lunedì 26 marzo 2012

Uno vecchio e uno nuovo: struccanti

Continuo sul filone della descrizione dei prodotti che invadono i miei armadietti, scaffali, cassetti, mensole, sedie, lavandino, e basta, non esageriamo!
Oggi mi dedico ai prodotti per lo strucco. Struccanti specifici per gli occhi e generici per tutto il viso.
Di prodotti ne ho a iosa.
Per ora sto cercando di finire la mousse di Kiko.
Ho nel frattempo comprato il guantino in microfibra.
Ma ho anche lo struccante Bioderma ancora chiuso (che però conosco bene perché l'ho usato già parecchie volte prima di quello di Kiko), e una saponetta naturale specifica per rimuovere il make up, più un'acqua micellare di Bioderma, un fondo di struccante occhi Nivea, 2 saponi di Aleppo .
E quindi devo fare un po' di ordine e iniziare a parlare del più vecchio, che, visto che mi trucco tutti i giorni, non ha secoli, stavolta, ma solo qualche mese. Questi prodotti vanno via alla grande e non c'è il rischio di far fare loro la muffa. Eppure... Eppure il più vecchio è proprio lo struccante per occhi di Nivea.
Io preferisco struccarmi con un detergente da sciacquare poi con l'acqua.
Detesto le salviettine perchè le trovo troppo aggressive, e allo stesso tempo non mi lasciano la sensazione di pulito. Le avevo comprate per portarle in viaggio e invece alla fine ho sempre preferito travasare un po' di detergente in una boccettina da 100ml. Ho pensato che magari potevo usarle per struccarmi quando, tornando a casa molto tardi magari non mi andava di bagnarmi. E invece era meglio passare un fazzolettino gelido sul viso?! Bocciate. Almeno l'acqua per sciacquarmi è calda ;-)
Torno allo struccante occhi.
Acqua Micellare Bioderma per pelli sensibili, Struccante occhi Nivea,
Struccante bifasico Yves Rocher e Bifacil di Lancome




L'ho snobbato altamente e l'ho provato più che altro per rimuovere il mascara waterproof. Ma non funziona. Il panda che è in me dopo averlo usato dice no!
Adesso ho una taglia mini di Bifacil di Lancome (ricevuta in regalo con il mascara e il kajal), che rimuove il trucco dagli occhi in maniera divina.
Stesso risultato per il bifasico di Yves Rocher. Mi piace e costa meno di tanti altri (circa 6€).
Ma il mascara waterproof è davvero resistente. E l'effetto giocatore di football è sempre in agguato.
L'unico prodotto che lo rimuove in maniera efficace e definitiva è l'Olio Johnson Baby. So che ha un INCI pessimo, tuttavia dopo aver deterso gli occhi, lavo il viso, quindi non rimane lì a provocare eventuali danni.

Cleansing Foam, Mousse detergente delicata di Kiko fa un lavoro decente. Strucca bene. Per un buon lavoro io premo la pompetta 4 volte. Senza infamia e senza lode. Costa 6,90€ e il formato è da 150ml.

 Lo uso da 3 mesi e ce n'è ancora metà. Vista la quantità non si può portare nel bagaglio a mano in aereo.
L'acqua micellare l'ho provata 2 volte e mi sono trovata bene. Ma la sensazione è la stessa del guanto: se dopo non lavo il viso mi sento ancora truccata! 






Dei saponi in foto due sono di Aleppo, ovvero contengono olio d'oliva e olio di alloro, mentre quella nera contiene anche olio di Nigella Sativa o Comino nero, tipico dei paesi dell'Africa del Nord, Turchia e Oriente.
Aggiungi didascalia

Il sapone nero l'ho comprato l'anno scorso a una fiera dell'Oriente a Massa Carrara. Vanta proprietà specifiche contro l'acne e l'eczema, ma in realtà non credo di averne trovato giovamento, proprio nel momento in cui avevo uno sfogo molto ampio su tutta la parte inferiore del viso, e infatti non l'ho finito). I saponi di Aleppo ancora non li ho usati, perché non saprei dove poggiarli sul lavandino! Comunque uno è puro al 16%, l'altro è mischiato ad altri olii ma l'alloro è al 40%.






Il guantino in microfibra usato senza alcun prodotto è fantastico!
Guanto in microfibra (preso da Coin) e Spugna Konjak di Kiko
Rimuove tutto il trucco presente sul viso, è morbidissimo, non graffia la pelle e sugli occhi non provoca abrasioni. Lo sto usando da un paio di giorni e per ora mi piace. Alla fine lo lavo con il sapone naturale che ho comprato da NaturaSì, quello specifico per rimuovere il trucco e che sulla mia pelle brucia troppo. Usato una volta sola e archiviato immediatamente. Il viso non ha trovato sollievo neanche dopo una bella spalmata di crema lenitiva e di olio di Argan... Quindi adesso lo uso per pulire le spugnette per il viso. Strofino un po' e il guantino è di nuovo bianco immacolato. Per paura che il guanto non rimuova del tutto le impurità, faccio comunque una passata con una sola spruzzata di mousse Kiko. Credo sia solo una questione di abitudine. Ho una paura incredibile di non pulire bene, ma poi finisce che pulisco fin troppo.

La pallina bianca sotto al guantino invece è la spugna Konjac presa da Kiko qualche settimana fa.
Ne avevo preso una durante il mio viaggio in Giappone e con l'uso si era completamente sfaldata (ma è la sua fine naturale). Quindi, quando l'ho vista da Kiko non ho esitato un attimo. Una volta bagnata si ammorbidisce, come una spugna normale, e passata sul viso ha una leggera azione esfoliante. La pelle dopo l'uso è molto morbida e i punti neri, anche se avessero voglia di farsi vedere, vengono debellati sul nascere. In realtà questa non l'ho mai usata per struccarmi, ma solo per completare la pulizia del viso. La alterno con una spazzolina tonda apposita per la pulizia profonda.
Ma sto mettendo troppa carne al fuco e sto pure divagando troppo. Dei prodotti per la cura del viso, non struccanti, forse è meglio che ne parli un'altra volta ;-)

Nessun commento:

Posta un commento

questo lo dici tu